Calabria

Bracciale in argento 925, placcato oro, smalti e cordino in tessuto annodato a mano anallergico con chiusura estendibile.

La Calabria è “la punta dello stivale” d’Italia. Le sue coste sono bagnate dal mar Tirreno, dal mar Ionio, dal golfo di Taranto ed è separata dalla Sicilia dallo Stretto di Messina. Secondo gli studiosi le prime tracce della presenza dell’uomo risalgono al Paleolitico.

65,00

COD: N/D Categoria: Tag:

Potrebbe anche piacerti...

Bracciale Anfora Isola Bella

Bummulu

65,00

È la tipica anfora siciliana, compagna di carritteri e viandanti, oggi elencata tra gli strumenti più caratteristici: soffiando dentro la sua cavità, quando è vuoto, si ottiene un sibilo basso unico nella sua sonorità.

È ottenuto dall’impasto di sale e terracotta, materiali che mantengono fresca la temperatura dell’acqua o del vino.

Acquista

Riccio

56,00

I ricci di mare sono tipici dei fondali del Mar Mediterraneo. Gli aculei proteggono il corpo formato da un dermascheletro rigido e fragilissimo, costituito da piastre colorate saldate tra loro.

Acquista
Bracciale Granchio Isola Bella

Granchio

65,00

È uno degli animali che popola le coste del Mar Mediterraneo, emblema del ciclo della vita e della capacità di adattarsi al cambiamento.

Acquista
Bracciale in argento asso di Mazze di Isola Bella Gioielli

Asso di mazze

56,00

Questa figura aveva un significato specifico che valeva come monito per chi volesse attaccare briga o, come qualcuno sostiene, era associato alla grattarola (grattugia) come una sorta di amuleto contro le corna o gli invidiosi.

Acquista
Bracciale Anguria Isola Bella

Anguria

56,00

Uno dei tradizionali frutti della cultura siciliana.

Acquista

Cannolo

56,00

cannoli sono una delle specialità più conosciute della pasticceria siciliana. In origine venivano preparati in occasione del carnevale; ha conosciuto una notevolissima diffusione sul territorio nazionale, divenendo in breve un rinomato esempio dell’arte pasticcera italiana nel mondo. L’origine del cannolo è sicuramente lontana nel tempo. Nel 70 a.C. Cicerone all’epoca della sua permanenza in Sicilia come questore, parlava di un dolce simile al cannolo odierno: “Tubus farinarius, dulcissimo, edulio ex lacte factus”, (tubo farinaceo ripieno di latte per un dolcissimo cibo). In realtà il riferimento del nome è legato alle canne di fiume cui veniva arrotolata fino a pochi decenni fa la cialda durante la sua preparazione.

Acquista